I'm back, baby!

luglio 03, 2017



Buon Lunedì, Lettori! Come state? Io al momento sono un po' nervosa perché, anche se questo non è il primo post in assoluto che pubblico sul Blog, di sicuro è uno dei più significativi e, in definitiva, apre la strada ad un nuovo inizio per quanto riguarda il mio angolino di sfogo letterario.
Forse alcuni di voi avranno notato, infatti, che non solo è da moltissimo tempo che non mi dedico alla stesura di un post (credo sia passato all'incirca un anno!), ma è più o meno dallo stesso periodo che ho smesso anche di essere attiva sui blog di quei lettori ossessivi compulsivi (chiamiamoli colleghi), con cui mi sono da subito trovata a mio agio e che, in realtà, ho sempre seguito con grandissimo piacere. Insomma, sono sparita per un bel po', e mi scuso con tutti i miei iscritti, gli scrittori che mi hanno contattata, e con gli amici che -per quanto riguarda Il Racconto- sono rimasti a bocca asciutta per diverso tempo.

In realtà non c'è stato un vero e proprio evento che, di punto in bianco, mi abbia fatta allontanare; è stato più un processo lento ma costante, il cui inizio si può identificare con i primi corsi all'università e la cui fine -si spera- può essere segnata oggi. 

Se ben ricordo, infatti, a prescindere dal carico di studio, dalle lezioni stancanti e dal viaggio in treno che mi ha da subito portato via molto tempo, inizialmente ho stretto i denti e ho continuato con i soliti ritmi (anche se con sporadici ritardi) a pubblicare i miei post abituali. Dopo qualche settimana, tuttavia, la situazione è cambiata perché, sebbene avessi comunque voglia di confrontarmi con voi sul piano letterario, il tempo libero a mia disposizione era talmente poco, e la mia stanchezza talmente costante, che ben presto ho cominciato a leggere sempre meno di frequente, fino quasi a fermarmi del tutto. Di conseguenza dopo un po' di tempo ho smesso di scrivervi perché, bé, non c'era più niente che io potessi veramente comunicarvi di nuovo e originale sulle mie più recenti esperienze da lettrice; questa situazione (che inizialmente non avevo vissuto come la fine di tutto, ma solo come un arresto momentaneo), a dir poco frustrante, si protrasse per diverso tempo: giorni, settimane, mesi... fino a quando cominciai a vedere il Blog diversamente; mi sentivo sempre più in colpa per non poter aggiornare le mie rubriche e partecipare ai tag, ma, allo stessto tempo, ero anche consapevole che con la poca lucidità che mi ritrovavo ad avere la sera (durante la settimana), e con il carico di studio che comunque dovevo gestire nel fine settimana, se anche avessi ripreso a pubblicare, probabilmente l'avrei fatto solamente per una sensazione di obbligo, e -a mio parere- non c'è niente di peggio che sentirsi in dovere di fare qualcosa a tutti i costi -arrivando a provare nei suoi confronti sentimenti di nervosistmo e insoddisfazione- quando prima la si viveva con entusiasmo. Dopo queste riflessioni sono arrivata alla conclusione che il Blog doveva chiudere, o almeno, prendersi una lunga, lunghissima pausa, fino al momento in cui sarei stata certa di poter fare le cose con quella rinnovata passione che caratterizzava Il Racconto. 

E questa svolta si è manifestata proprio qualche giorno fa, durante la lettura  di uno dei gialli che la Rowling ha pubblicato negli ultimi anni; grazie allo stile esperto dell'autrice, infatti, ho ritrovato tutta d'un colpo, la voglia di scrivere e, più precisamente, la voglia di scrivere qui.
Presa consapevolezza di questa mia nuova necessità, mi sono rimboccata le maniche: per un paio di giorni mi sono dedicata alla ricerca di un nuovo template da poter utilizzare, per coronare questa nuova fase della mia "carriera" da blogger. Poi l'ho adattata e ho cercato di modificare anche i vecchi post per renderli più compatibili con il nuovo stile.
Eh si, il passo successivo è stato anche quello più difficile: ho cliccato con esitazione e timore su "nuovo post", e ho cominciato a digitare.

Non vi dico quante modifiche io abbia apportato a queste righe, ma penso che -alla fine- ne sia valsa la pena se sono anche solo riuscita vagamente ad esprimere quello che, purtroppo, mi ha allontanata da questo meraviglioso mondo virtuale in favore di quello reale.  

P.s: probabilmente non riprenderò immediatamente a riproporre settimanalmente le rubriche che ero solita pubblicare; farò le cose con calma, iniziando -magari- con nuove recensioni e, prima ancora, con i post-bozze che sono rimasti a prendere polvere per tutto questo tempo. 


Grazie di cuore a tutti quelli che sono riusciti a raggiungere la fine di questo papiro (lo giuro, non pensavo che sarebbe stato così lungo ahah) e, sopratutto, a chi -anche a distanza di mesi e mesi- vedendo sulla home la notifica di un mio nuovo post ha deciso senza esitazione di dare un'occhiata ❤ 

You Might Also Like

0 commenti

About me

Benvenuto sul mio Blog!
Io mi chiamo Sonia, ho vent'anni e sono un'appassionata lettrice. Ho iniziato a divorare libri su libri tra la terza media e la prima superiore e, fatta eccezione per un paio di periodi piuttosto stressanti e colmi d'impegni, non ho più smesso. Il mio genere preferito in assoluto è il Fantasy, ma sono abbastanza eclettica dal punto di vista delle letture; l'unico genere che non sono in grado di apprezzare quasi mai è quello rosa ma, forse, migliorerò anche in questo.
Su questo mio piccolo angolino virtuale mi dedicherò a recensire romanzi letti, a consigliartene di nuovi tramite alcune rubriche e ad aggiorarti su eventuali novità in ambito letterario; quindi resta connesso e ci rileggiamo presto!

Cerca nel blog