Recensione: "La casa per bambini speciali di Miss Peregrine" di Ranson Riggs

maggio 31, 2016

Buon Martedì, Lettori! Com'è iniziata la vostra settimana? Io avrei voluto pubblicare questo post stamattina ma ieri non sono proprio riuscita a finire di scriverlo e oggi pomeriggio ho dovuto (ma che strano!) studiare; quindi mi ritrovo a pubblicare all'ultimo la recensione di un libro che è piaciuto a moltissimi: "La casa per bambini speciali di Miss Peregrine". Pronti? Cominciamo.


Libro La casa dei ragazzi speciali. Miss Peregrine Ransom Riggs 0Titolo: Casa per bambini speciali di Miss Peregrine
Autore: Ranson Riggs
Editore: Bur
Pagine: 382
Prezzo: 10,00€
Valutazione: ☆☆☆☆

Quali mostri popolano gli incubi del nonno di Jacob, unico sopravvissuto allo sterminio della sua famiglia di ebrei polacchi? Sono la trasfigurazione della ferocia nazista? Oppure sono qualcosa d'altro, e di tuttora presente, in grado di colpire ancora? Quando la tragedia si abbatte sulla sua famiglia, Jacob decide di attraversare l'oceano per scoprire il segreto racchiuso tra le mura della casa in cui, decenni prima, avevano trovato rifugio il nonno Abraham e altri piccoli orfani scampati all'orrore della Seconda guerra mondiale. Soltanto in quelle stanze abbandonate e in rovina, rovistando nei bauli pieni di polvere e dei detriti di vite lontane, Jacob potrà stabilire se i ricordi del nonno, traboccanti di avventure, di magia e di mistero, erano solo invenzioni buone a turbare i suoi sogni notturni. O se, invece, contenevano almeno un granello di verità, come sembra testimoniare la strana collezione di fotografie d'epoca che Abraham custodiva gelosamente. Possibile che i bambini e i ragazzi ritratti in quelle fotografie ingiallite, bizzarre e non di rado inquietanti, fossero davvero, come il nonno sosteneva, speciali, dotati di poteri straordinari, forse pericolosi? Possibile che quei bambini siano ancora vivi, e che - protetti, ma ancora per poco, dalla curiosità del mondo e dallo scorrere del tempo - si preparino a fronteggiare una minaccia oscura e molto più grande di loro?

Recensione:
La narrazione ha inizio in un giorno qualsiasi della vita di Jacob, un ragazzo che sta facendo esperienze lavorative nella catena di supermercati appartenente alla famiglia. Esperienze, però,  che lui non ha mai voluto e da cui fa di tutto per sfuggire. Rovesciare una piramide di scatole o arrivare continuamente in ritardo, non sembra essere sufficiente purtroppo, ma almeno sembra che quel giorno potrà allontanarsi da lì, prima del previsto. Il nonno, infatti, ha chiamato nel bel mezzo di una delle sue crisi, farneticando di mostri e quant'altro e Jacob, sotto il consiglio del padre, deve andarlo a trovare e assicurarsi che stia bene.

Ed è a questo punto della storia, che tutto nella vita di Jacob cambia; una volta arrivato alla casa in cui ha passato la maggior parte della sua infanzia, infatti, il protagonista trova il nonno in punto di morte. Prima di esaltare l'ultimo respiro darà delle importanti indicazioni che, per quanto  bizzarre, non potranno che ossessionare Jacob e spingerlo a cercare delle risposte. 

Quando ho iniziato questo libro, l'emozione era tanta. Ne avevo sentito parlare benissimo da diverse fonti e sapevo che di lì a poco sarebbe uscito persino un film diretto da Tim Burton (che io amo alla follia). Quindi, per quanto ci abbia provato, non ho potuto fare a meno di crearmi delle aspettative alte. E si, un po' mi hanno fregata.

La scrittura è senza dubbio buona, scorrevole e adatta al tipo di storia narrata; perfetta per rappresentare il protagonista. La trama è abbastanza originale, intrigante ed è ben strutturata. Ma non me la sento comunque di attribuire a "Casa per bambini speciali di Miss Peregrine" cinque stelline. Un po' perché è il primo libro di una trilogia e quindi vorrei prima vedere come si evolve la storia, e un po' perché con mia grande delusione non ha saputo farmi provare delle emozioni intense, come invece mi sarei aspettata.

I personaggi principali, infatti, per quanto simpatici e realistici non sono riusciti a coinvolgermi più di tanto; la storia d'amore, per esempio, per quanto dolce e innocente, e nonostante di solito io mi faccia coinvolgere facilmente da queste cose, mi ha lasciata abbastanza indifferente. I fatidici mostri che ossessionano i protagonisti della storia e che vengono descritti come terribili e crudeli, poi, li ho trovati abbastanza piatti. 

Nonostante queste mie impressioni negative su alcuni elementi, tuttavia, non posso dire che questo non sia un buon libro. Tutt'altro. E proprio per questo continuerò la trilogia; per ora, però, mi asterrò dal dire che è perfetto. 

You Might Also Like

8 commenti

  1. Sarà la copertina ma a me non attira proprio xD Quando una mia amica mi ha chiesto se lo avevo letto non sapevo nemmeno che esistesse xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, è vedrai che belle anche le illustrazioni!

      Elimina
  2. Sono troppo curiosa, ho i primi due volumi da secoli, ma devo ancora leggerli... sicuramente lo farò prima dell'uscita del film :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non vedo l'ora di sapere che cosa ne pensi!

      Elimina
  3. Bella recensione ^^ Ho letto questo libro un po' di tempo fa e l'ho trovato molto carino, sono curiosa di leggere i seguiti *__*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io, in effetti. Credo che leggerò il secondo volume della trilogia subito dopo aver visto il film.

      Elimina
  4. wow wow w ancora wow! Ho già detto wow?? bellissima recensione *_* mi hai fatto venire una voglia matta di leggerlo, e si impazzivo già ma adesso mille volte di più! <3 <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio grazie ahahah. E io che temevo di non aver approfondito abbastanza alcuni elementi! Sono molto contenta che ti sia piaciuta. Comunque ti consiglio questa lettura, e quando e se lo leggerai verrò subito a conoscere la tua opinione!

      Elimina

About me

Benvenuto sul mio Blog!
Io mi chiamo Sonia, ho vent'anni e sono un'appassionata lettrice. Ho iniziato a divorare libri su libri tra la terza media e la prima superiore e, fatta eccezione per un paio di periodi piuttosto stressanti e colmi d'impegni, non ho più smesso. Il mio genere preferito in assoluto è il Fantasy, ma sono abbastanza eclettica dal punto di vista delle letture; l'unico genere che non sono in grado di apprezzare quasi mai è quello rosa ma, forse, migliorerò anche in questo.
Su questo mio piccolo angolino virtuale mi dedicherò a recensire romanzi letti, a consigliartene di nuovi tramite alcune rubriche e ad aggiorarti su eventuali novità in ambito letterario; quindi resta connesso e ci rileggiamo presto!

Cerca nel blog